San Francesco e la scrofa – Roger Husden

babe_image_1

Il bocciolo sta per tutte le cose,

anche per quelle che non fioriscono.

Perchè tutto fiorisce, da dentro,

per autobenedizione.

Sebbene a volte sia necessario rammentargli la sua bellezza,

mettere una mano sulla fronte del fiore

e ridirgli, in parole e col tocco,

che è bello, finchè non fiorisce di nuovo,

da dentro, per autobenedizione.

Così come San Francesco mise la mano

sulla fronte corrugata della scrofa

e le disse, in parole e col tocco:

che la terra benedica la scrofa!

E la scrofa cominciò  a ricordare

per tutta la sua spessa lunghezza,

dal muso terrigno immerso

nel foraggio e nel pastone

fino all ricciolo spirituale della coda,

dalla dura spinosità della colonna vertebrale

al grande cuore spezzato,

all’azzurro sogno di latte

che sprizza fremente

dai suoi quattordici capezzoli

nelle quattordici bocche che succhiano

e sbuffano sotto di loro,

la lunga, perfetta bellezza di scrofa.

Pickled+Dandelion+Buds

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...