ARRESTO CARDIACO IMPROVVISO, a Nepi i corsi di BLSD di Dovimed per un territorio cardio-protetto

Prossimo corso BLS-D: Sabato 9 maggio a Nepi (VT) presso l’associazione in via Adolini, 7

Secondo i dati forniti dall’Istituto Superiore di Sanità, ogni anno in Italia i decessi per arresto cardiaco improvviso sono circa 73.000, con una frequenza di 200 vittime al giorno, una ogni 7,2 minuti.
Le persone colpite da arresto cardiaco improvviso sono di ogni età, apparentemente sane e le cui condizioni fisiche non farebbero prevedere la loro morte in quel momento. Il più delle volte non vi sono stati precedentemente sintomi di qualsiasi natura o segni premonitori.
E’ noto come anche sportivi professionisti, che vengono regolarmente sottoposti a controlli medici di ogni genere, sono morti a causa di un arresto cardiaco improvviso.
L’arresto cardiaco improvviso può essere causato da una malattia cardiaca fino a quel momento rimasta sconosciuta. Naturalmente colpisce anche chi ha già subito una grave patologia cardiovascolare.
La maggior parte delle morti improvvise dipende da un’aritmia cardiaca grave, il più delle volte da una fibrillazione ventricolare, spesso preceduta da una tachicardia ventricolare. Alla base vi è  un cattivo funzionamento del sistema elettrico del cuore.
Mentre nell’infarto miocardico si ha la morte del muscolo cardiaco causata da un’ostruzione delle coronarie che blocca il regolare afflusso di sangue ossigenato al cuore, nella morte cardiaca improvvisa si ha una sorta di “corto circuito elettrico” del cuore.
In condizioni normali gli impulsi elettrici determinano delle contrazioni ritmiche e regolari del muscolo cardiaco, che gli permettono di pompare il sangue verso tutti gli organi e i tessuti.
Se però il sistema elettrico “va in tilt”, si verificano dei ritmi cardiaci anomali che determinano la Tachicardia Ventricolare (TV), con una forte accelerazione del battito cardiaco ed una conseguente riduzione del flusso sanguigno, e la Fibrillazione Ventricolare (FV); in questo caso i segnali elettrici diventano estremamente rapidi e caotici. Il cuore non riesce più a contrarsi ma fibrilla (vibra), perdendo la sua funzione di pompa ed il sangue non arriva più al resto del corpo ed in particolare al cervello che, non essendo più ossigenato, in un brevissimo lasso di tempo può subire danni irreversibili fino alla morte dell’individuo.
Se non si interviene immediatamente con il massaggio cardiaco, la respirazione bocca-bocca ed un defibrillatore, erogando al cuore uno shock elettrico che ne ripristini il suo ritmo regolare, la morte sopravviene in pochi minuti.
Oltre il 70% delle vittime di Fibrillazione Ventricolare muore prima di giungere in ospedale.
Con l’arresto cardiaco si ha un’improvvisa perdita della funzione del cuore che “può” portare alla morte. Ma se si provvede ad intervenire con manovre di rianimazione cardiopolmonare (RCP) corrette e tempestive, e  se si ha immediatamente a disposizione un defibrillatore, l’arresto cardiaco può regredire, restituendo così la vita al paziente.
Il tempo a disposizione per intervenire è molto limitato!
La possibilità di sopravvivenza si riduce del 10 – 12% per ogni minuto che trascorre prima della defibrillazione. Dopo 5 minuti le possibilità di ripresa sono già scese al 50%, dopo 8 minuti al 20%.
Il danno anossico cerebrale inizia dopo circa 4 / 6 minuti di assenza di attività cardio-respiratoria. Dopo 10 minuti le lesioni cerebrali divengono irreversibili.
Il sistema di emergenza 118 raramente è in grado di arrivare sul posto prima di 8 – 10 minuti.
Per la sopravvivenza del paziente colpito da arresto cardiaco è quindi fondamentale l’azione dei testimoni dell’evento, con il pronto allertamento del servizio medico d’emergenza, l’inizio della rianimazione cardio-polmonare e l’utilizzo di un defibrillatore semiautomatico esterno.
Se il defibrillatore non è immediatamente disponibile, si possono guadagnare minuti preziosi iniziando prontamente la RCP ( massaggio cardiaco e respirazione bocca – bocca ). La defibrillazione è  una manovra salvavita che deve essere effettuata al più presto.
La Legge N° 120 del 3 aprile 2001 consente anche a soccorritori non sanitari, previo corso di addestramento BLSD, di intervenire.
Il corso BLS-D serve ad apprendere, in teoria e nella pratica, come :
–    Riconoscere un arresto cardiaco
–    Praticare il massaggio cardiaco esterno
–    Effettuare la respirazione bocca – bocca
–    Applicare ed usare il defibrillatore
–    Porre il paziente nella posizione laterale di sicurezza
–    Eseguire le opportune manovre, in caso di soffocamento da ingestione di corpo estraneo
Il corso insegna ad intervenire sia sugli adulti che sui bambini ed i lattanti.
I Corsi BLS-D erogati dal Centro di Formazione DOVIMED consentono il conseguimento del  BREVETTO legalmente riconosciuto che dà Crediti Scolastici ed è richiesto per  varie tipologie di Assunzioni  e Concorsi Pubblici.
Prossimo corso BLS-D: Sabato 24 Aprile a Nepi (VT) presso l’associazione in via Adolini, 7
Per informazioni ed iscrizioni:
DOVIMED   Tel. / fax  0761 570514          Cell. 335 6937393, 334 3426817             dovimed@dovimed.it
NB.: Possono  essere  richiesti  anche  corsi a domicilio per un minimo di 5 partecipanti.

OUTDOORDEFIB

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...